spettacoli teatrali

MeDeo _
meglio essere una pecora nera che una pecora e basta

con  Roberto Scappin, Paola Vannoni
drammaturgia  Paola Vannoni
tecniche Roberto Pozzi
editing video e forme quotidiana.com
regia  Roberto Scappin

produzione quotidiana.com
con il contributo del Progetto Teatro Argo-Navis Provincia di Rimini
in collaborazione con il Comune di Poggio Berni e Associazione Santarcangelo dei Teatri

 

Un uomo, un giorno, trova la sua identità violata, la sua interiorità terrorizzata, è risentito, desidera restituire dolore per dolore, lotta tra amore e decisione di colpire. Medeossessione.
La forma di vita ossessiva lo toglie dal mondo dell’ovvio. Ogni azione si fa problematica, è prigioniero di una condizione strapiena d’angoscia.
MeDeo è recluso in una condizione depressiva che riguarda la dolorosa crisi della coscienza, la perdita delle relazioni interpersonali.
Un’adesione esistenziale, non una dimostrazione tecnica.
MeDeo, un individuo fragile, vulnerabile, che dice, denuncia. La sua evoluzione nel tempo fisico e interiore. Fine dell’eroe.

Se Medea è un’eroina tragica, i MeDeo sono una tragedia attuale, non mostri, non alieni, ma parto di una società in raptus costante.


Leggi le recensioni »

Seguici su Facebook